· 

Il mestiere del futuro

La società ha bisogno di qualità, qualità dei servizi, dei rapporti interpersonali e lavorativi, che le permettano di evolversi e migliorarsi. Ma per dare qualità occorre che le persone godano di buona qualità della vita. Infatti persone più serene sono anche più appagate e soddisfatte, potendo così godere di maggiore autonomia ed efficienza nelle relazioni sociali.

Occorre un farmaco in grado di promuovere il benessere della persona, gestire e prevenire l'insorgenza di malattie che possono alterare la qualità della vita degli individui. Due soggetti possono esperire la stessa malattia a livello clinico, ma è il modo in cui vive questa esperienza di se e del rapporto col mondo che ne determina la qualità della vita.

 

 A dire la verità questo farmaco lo abbiamo sempre avuto: è l'esercizio fisico. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che "Se esistesse un farmaco in grado di dare gli stessi effetti sulla salute tanto quanto l'esercizio fisico, sarebbe il farmaco più venduto al mondo".

 

E' scientificamente provato che fare regolare esercizio fisico apporti benefici a livello delle funzioni fisiche e psicologiche: previene numerose malattie cardiovascolari e disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico, gestisce le malattie cronico-degenerative, aumenta la forza e la resistenza muscolare, migliorando così l'autonomia e prevenendo le cadute, migliora le funzioni cognitive ritardando l'invecchiamento mentale e favorisce nel bambino una crescita sana, previene alcuni tipi di cancro ed è di aiuto ad alcuni disturbi psicologici come ansia e depressione.

 

In questo modo aumenta la funzione psico-fisica, specialmente in termini di qualità. L'efficienza fisica ed il benessere mentale promuovono una maggiore autonomia, condizione importante per esperire appagamento personale e del proprio essere al mondo. Un soggetto più sereno potrà riuscire a godere di relazioni sociali più soddisfacenti ed essere di aiuto per la comunità.

 

Non è un caso se la Salute viene definita come uno stato di completo benessere, non solo organico (funzioni fisiologiche), ma anche psicologico e sociale, ovvero derivante dalla qualità delle relazioni interpersonali.

 

Ma siccome l'esercizio viene fatto svolgere su un soggetto che può andare incontro a malattie e disturbi, ha bisogno di una programmazione accurata e ben organizzata. E' necessaria una programmazione individuale, cucita sul soggetto: "Il movimento va sempre analizzato in relazione al soggetto di cui fa parte" (Galileo Galilei).

 

Perciò è necessaria una formazione adeguata per poter lavorare su un corpo umano, vivo e soggetto a malattie. Il Chinesiologo è colui che possiede questa formazione: egli ha conseguito la laurea in Scienze Motorie (ISEF, vecchio ordinamento), l'unico percorso universitario che prevede la formazione riguardo la programmazione e la gestione di attività motorie a scopo preventivo, educativo e per il mantenimento di un buono stato di salute. 

Il Chinesiologo svolge questo lavoro in diverso modo, a seconda della persona a cui si rivolge.

 

1) La Ginnastica Posturale studia l'esercizio fisico per la gestione dei paramorfismi, permettendo di ripristinare il corretto assetto corporeo, condizione indispesabile per prevenire sovraccarichi articolari e dolore causati da atteggiamenti scorretti. La persona impara ad ascoltarsi per acquisire maggiore consapevolezza corporea.

 

2) L'Attività Fisica Adattata è rivolta a particolazioni condizioni psicosomatiche e metaboliche, che limitano e/o riducono le proprie capacità. Per fare alcuni esempi: il recupero funzionale a seguito di un infortunio o di un intervento chirurgico, con lo scopo di recuperare il movimento nel modo e nei tempi in cui era svolto precedentemente; l'attività fisica per diabetici, persone in sovrappeso, ipertesi, ecc.; l'attività motoria per il soggetto disabile con lo scopo di aumentare la consapevolezza corporea e migliorare l'autonomia.

 

3) La Preparazione Atletico-Sportiva: qui rientrano sia gli sportivi, sia le persone sane che non praticano sport, ma che vogliono raggiungere una determinata condizione fisica o necessitano di migliorare la propria efficienza per il lavoro che svolgono.

 

4) Analisi del movimento e valutazione funzionale: sono degli interventi che permettono di esaminare il soggetto nella statica e nella dinamica, essenziale per poter personalizzare le sedute e ottenere dei miglioramenti. Ad esempio, l'analisi del cammino nel soggetto post-ictus, per poi migliorarne la qualità e l'efficienza.

 

Ogni uomo è un organismo unico e l'esercizio fisico deve essere cucito come un abito su misura per il soggetto, in base alla storia clinica e agli interessi personali.

 

5) Per ultimo, ma non per importanza, l'educazione fisica scolastica. E' essenziale svolgere un'attività motoria ben programmata e razionale allo scopo di promuovere lo sviluppo sano del bambino, poiché apporta notevoli benefici ed aumenta la consapevolezza corporea.

 

"Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio, avremmo trovato la strada per la salute" , Ippocrate (460-377 a.C.)

 

 Per questi motivi i Paesi dovrebbero investire in protocolli di intervento che favoriscano uno stile di vita attivo e migliorino la qualità della vita, a partire dalle scuole, ma anche nel lavoro e nelle case di riposo e in tutta la comunità. Ciò va fatto sia a scopo quantitativo che qualitativo, ad esempio introducendo il Laureato in Scienze Motorie nelle scuole e fornendo servizi di personal training nelle palestre, allo scopo di migliorare la qualità della vita degli individui.

Programmare delle ore di esercizio fisico (che siano corsi di gruppo o semplici camminate) al termine dell'orario di lavoro, ad esempio, permette di smettere di considerarsi semplici oggetti di produzione ed aprirsi ad un'espressività individuale più sana, diffonde benessere mentale e migliora i rapporti interpersonali.

 

Sono un convinto sostenitore del ruolo del Chinesiologo come educatore: egli educa ad un corretto stile di vita al fine di promuovere una migliore qualità della vita.