Conosciamo il retto dell'addome

Avete presente quell'esercizio per gli addominali che si esegue da sdraiato, dove si tirano su le gambe?
Vi devo dire una cosa: non è per gli addominali...cioè: dipende!!

 

Il muscolo retto dell'addome (quello che rappresenta la cosiddetta tartaruga) ha origine dal processo xifoideo (lo sterno) e dalla quinta costola e si inserisce sulla sinfisi pubica. Non ha alcuna inserzione sul femore, per cui non adempie il ruolo di sollevare le gambe.
Questo compito viene infatti assolto dai muscoli flessori dell'anca, tra cui il muscolo psoas (che dalle vertebre lombari si inserisce sul grande trocantere del femore).

Se si vuole allenare gli addominali attraverso l'esercizio sopra citato, è fondamentale mantenere la schiena ben aderente a terra: in questo modo significa che il retto dell'addome è attivo per contrastare il sollevamento della schiena da terra (iperlordosi lombare), causato dal peso delle gambe.

 

Conoscere l'anatomia è indispensabile per svolgere gli esercizi in modo corretto.

E' sufficiente conoscere l'anatomia per comprendere le funzioni muscolari e quindi scegliere gli esercizi più appropriati.

 

Per cui, la prossima volta che eseguite questo esercizio, impegnatevi a schiacciare la schiena a terra. Può aiutarvi appoggiare le mani sotto la lombare e premere con la schiena su di esse.
.